Chiara Aime (Cuneo, 1991) comincia da giovanissima ad esporre le sue opere in mostre collettive come quella presso la Galleria Senesi Arte di Savigliano, o in mostre personali, tra cui quella alla Galleria degli artisti a Cuneo. La ricerca figurativa si va delineando sempre più chiaramente nel campo del disegno e della grafica. Queste due discipline sosterranno in tempi successivi l'innamoramento per la pittura, accolta come espressione interiore che nasce dall'anima e all'anima riconduce.
Chiara Aime predilige una tavolozza di colori molto ristretta, che comprende i blu e gli azzurri, i rossi ed i viola, di rado contrastati da gialli e verdi: tali cromie costruiscono le sue forme pittoriche, tra cui ricorrono con frequenza i volti, quasi sempre femminili, talvolta percorsi da espressioni ambigue e sofferenti, talaltra contrassegnati da una dolcezza infinita in contrasto con una marcata violenza.

 
Chiara Aime was born in Cuneo in 1991, where she currently resides. She attended the Art School of Cuneo and only since 2010 has begun to expose herself to the public as a painter. Her painting is an expression of mind, highly introspective that comes from the soul and is supported by a great passion for drawing and graphics. Her palette, preferably restricted to a few colors, three-four, including the blue and the blues, reds and purple, often thwarted by yellow and green. She prefers faces, almost always female, ambiguous and suffering, sometimes violent sometimes loads an infinite sweetness. There is a lot of autobiography in her work and her paint communicates the movements of the soul.